AdA : anello di accelerazione.

Ada Lovelace, nei primi dell’Ottocento, studiò i metodi di calcolo di una macchina analitica ed il suo è considerato il primo programma informatico della storia. ADA è, in omaggio alla Lovelace, un linguaggio di programmazione per grandi sistemi di calcolo.

ada : nome palindromo

Ogni teoria è questione di velocità di accelerazione. Mette in gioco la percorribilità in sensi inversi. C’è un’attinenza tra teoria e stradari, mappe, estensioni, particelle. Questa è una rivista che cerca di precisare punti di avvistamento nelle teorie femministe.

ada#8_copertina

numero #8 | il mondo salvato dalle ragazzine

Questa volta le nostre riflessioni hanno preso avvio dalle bambine e dai bambini. Come guardano il mondo, la città, che cosa desiderano, che cosa sognano, che cosa vivono.
Le nostre parole sono nate dall’immagine del corpo di Aylan, col capo riverso sulla riva del mare di Bodrum, della piccola Fortuna “caduta” dal quinto piano di un palazzo di Caivano. Ma anche dai corpi dei bambini e delle bambine che giocano tra i vicoli di Napoli, che corrono, stanno fermi, siedono nei banchi delle scuole, si affacciano al mondo dei social networks, sono catturati da un mercato invadente e pervasivo, ridono felici, piangono, immaginano, sognano o hanno smesso di sognare.
Abbiamo giocato a creare dei punti di avvistamento a partire dal loro sguardo. Non per metterci al loro posto, ma per creare una sintonia tra loro e noi, provando a guardare la città con il filtro dei loro occhi.
Ci siamo chieste che ruolo gioca nell’infanzia e nella prima adolescenza oggi la differenza sessuale, abbiamo iniziato a pensare alle bambine, alle ragazze e al mondo che le aspetta così come a quello che si aspettano dal mondo. Abbiamo pensato a tutto questo a partire dalle relazioni con le nostre figlie e i nostri figli, ma anche con i figli che non abbiamo avuto, con quelli che abbiamo desiderato ma non sono venuti, con quelli che verranno.
Guardare la città dal punto di avvistamento delle ragazzine ci ha schiuso un ampio ventaglio di problemi: la questione dei modelli e degli stereotipi legati alla differenza sessuale, della libertà femminile che a ogni generazione si rinnova, delle relazioni nel mondo del virtuale, dei corpi e della loro vulnerabilità, della sicurezza e della violenza.
Perché partire da qui, dal punto di vista delle bambine?

-> Scarica l’editoriale

in evidenza

archivio

ada#7_copertina
copertine6
copertine5_bordo_2
copertine4_bordo_4
copertine3
copertine2_bordo_2
copertine_1

segnature



rami

 

Angela Putino intervista (pdf)

Impersonale della politica Angela Putino

Lucia Mastrodomenico intervista (pdf)

[interviste tratte da: Conni Capobianco, Interpreti e protagoniste del movimento femminista napoletano, 1970-1990, Napoli, coop. Le Tre Ghinee-Nemesiache, 1994]

Bevendo un tè al mango Angela Putino e Lucia Mastrodomenico (pdf)

[editoriale da: “Madrigale” n.7, luglio 1991]

Lina Mangiacapre intervista (pdf)

[da: Conni Capobianco, Interpreti e protagoniste del movimento femminista napoletano, 1970-1990, Napoli, coop. Le Tre Ghinee-Nemesiache, 1994]

Androgina / Amazzone Lina Mangiacapre e Angela Putino (pdf)

[dalla relazione al convegno di DARS, «Donne e Guerra nel mito e nella storia», Udine, 6-7 dicembre 1987, in «Manifesta. Il diverso della scrittura», n.1, anno I, ottobre 1988]

Pause, Lucia Mastrodomenico (link)

[Uno scritto inedito di Lucia Mastrodomenico, Pause. Appunti sparsi risalenti all’anno 2006. Forse li avrebbe rivisti e pubblicati su “Adateoriafemminista”. Questo non lo sappiamo e non lo potremo sapere].

__________

Insegnare l’ininsegnabile, Nadia Nappo (link)

Créativité et politique chez trois femmes napolitaines du XXe siècle : Lina Mangiacapre, Lucia Mastrodomenico et Angela Putino, Stefania Tarantino (link)

«Tra me e una donna c’è il mondo», Tristana Dini (link)

Voce “Angela Putino” in Enciclopedia delle Donne, Stefania Tarantino (link)

La pedagogia della differenza, Stefania Tarantino (link)

Forza materiale e inaddomesticata. La “funzione guerriera” nel pensiero femminista di Angela Putino, Tristana Dini (link)

 

_________










Collettivo di redazione

ada teoria femminista

Rivista fondata da Lucia Mastrodomenico e Angela Putino

La nostra storia – Chi siamo

collettivo di redazione:

Maria Rosaria Corcione (Direttora)

Maria Vittoria Montemurro, Nadia Nappo, Tristana Dini, Stefania Tarantino, Lina Cascella, Anna Correale, Stefano Perna

 

in relazione con noi:

Alessandra Macci, Marisa Forcina, Chiara Zamboni, Olivia Guaraldo, Giovanna Borrello, Maria Rosaria Mariniello, Laura Bazzicalupo, Anna Di Salvo, Loretta Borrelli, Michael Hirsch, Chiara Guida, Maria Grazia Gravina.

 

contatti:

ada@adateoriafemminista.it

registrazione:

adateoriafemminista n°1 – Autorizzazione del tribunale di Napoli – registro stam- pa n° 85 del 29/09/2006

dispositivo grafico:

Stefano Perna

 

Madrigale

Proponiamo qui in pdf alcuni numeri di Madrigale

Trimestrale di politica e cultura delle donne (Edizioni Lo Specchio di Alice e Magistra)

rivista diretta da Lucia Mastrodomenico e Marina Pivetta

 

Madrigale Anno I- N.2 Aprile/Giugno 1989

 

Madrigale Anno I – N.3 III trimestre 1989

 

Madrigale Anno 2 – N. 5 – 1990

 

Madrigale Anno III – N. 7 Luglio 1991

 

Madrigale Anno 4 – N.10 Febbraio 1993